Achille Lauro – 1920, l’album che chiude la trilogia

Autore

Categorie

Condividi

Achille Lauro chiude la trilogia del passato con 1920. Il nuovo album sarà disponibile dal 4 dicembre 2020, un side project di un artista anticonformista senza tempo registrato interamente dal vivo con orchestra. Un dialogo tra passato e presente, 8 tracce, e un pieno di ritmo jazz anni ’20.

1920 – Achille Lauro & The Untouchable Band

Si chiude così la trilogia che contiene 1990 e 1969 – Achille Idol Rebirth. L’album 1920 – Achille Lauro & The Untouchable Band (primo album interamente Live) viaggia nei meandri del proibizionismo dei primi anni del ‘900, calcando le sfumature jazz di un periodo costernato da big parties, paillettes, black swing e Chicago.

Continua l’ondata rivoluzionaria di Achille Lauro sul piano di riadattamenti e repack del passato, stravolgimenti di brani che hanno segnato un’epoca e di colpo riadattati e rimodernati secondo l’indice di un artista che si presenta sul palco del Festival di Sanremo 2020 prima vestito da San Francesco, poi da David Bowie e da Regina Elisabetta. Crea scompiglio, è scomodo, fa furore. Una continua ossessione per il proibito, per la censura che trafigge l’espressione artista. E non vi è tregua.

Achille Laura provoca – e stressa – il panorama musicale italiano, di nuovo. Dopo aver sfoggiato tacchi a spillo in 1990 (suo anno di nascita, tra l’altro) e aver ripreso il punk-rock del 1969, omaggia l’influenza degli anni ’20 dettata da brani come My Funny Valentine, Tu vuò fà l’americano e Jingle Bell Rock.

1920. Poi cambierà tutto, per sempre

Allora, un passo alla volta. Il 4 dicembre esce 1920, un album interamente Live chiamando per l’occasione la Untouchable Jazz Band, guidata dal Maestro Dino Plasmati. Nella track listi si notano tre importanti collaborazioni: Gigi D’Alessio, Izi & Gemitaiz, Annalisa.

Conclude così la sua trilogia, poi dice che ‘cambierà tutto. E per sempre‘. Cosa vorrà dire? Lauro non è mai stato bravo a seguire le logiche dettate dall’industria musicale, chissà che non sia davvero l’inizio di un’importante rivoluzione.

  1. My funny Valentine
  2. Chicago
  3. Pessima
  4. Tu vuo’ fa’ l’americano (feat Gigi D’alessio)
  5. Cadillac 1920
  6. Bvlgari Black Swing (feat. Izi & Gemitaiz)
  7. Piccola Sophie
  8. Jingle Bell Rock (feat. Annalisa)

scritto da

Share