Vincenzo Malinconico, avvocato d’insuccesso su Rai 1: cast e trama della prima puntata

Autore

Categorie

Condividi

Terminato l’impegno con Imma Tataranni 2 nei panni di Pietro, Massimiliano Gallo torna su Rai 1 con Vincenzo Malinconico, avvocato d’insuccesso. La prima puntata della serie, tratta dai romanzi di Diego De Silva e diretta da Alessandro Angelini, andrà in onda giovedì 20 ottobre 2022 in prima serata. Nel cast, tra gli altri, anche Teresa Saponangelo, Francesco Cavallo, Lina Sastri e Michele Placido.

Vincenzo Malinconico, avvocato d’insuccesso: la trama della prima puntata

Il primo episodio della serie, già disponibile in anteprima su RaiPlay, dal titolo Un avvocato d’insuccesso, è un assaggio di quel che si vedrà nei prossimi 7 episodi. Dopo cinque anni lontano dai processi penali, Vincenzo Malinconico (Massimiliano Gallo) viene nominato d’ufficio per difendere Domenico Fantasia, in arte Mimmo ‘o Burzone, accusato di essere affiliato alla camorra. Il suo compito è quello di fare a pezzi cadaveri per conto della malavita.

Inizialmente restio ad assumere la difesa, desiste grazie all’intervento della figlia dell’uomo, Brooke, che gli ricorda Alagia (Chiara Celotto), la figlia di Nives. Tra i corridoi del tribunale inciampa nell’affascinante avvocatessa Alessandra Persiano (Denise Capezza). La donna, nonostante i numerosi corteggiatori, sembra attratta proprio dalla personalità dell’avvocato.

vincenzo malinconico serie fiction rai 1 persoanggi nives Massimiliano Gallo e Teresa Saponangelo
Massimiliano Gallo con Teresa Saponangelo nei panni dell’ex moglie Nives.

Nel secondo episodio, dal titolo Non avevo capito niente, ottiene la scarcerazione di Fantasia. Tuttavia, non è convinto dell’innocenza dell’uomo. Intanto Brooke ha una relazione con Dylan, un ragazzo violento, e gli confida che si è rifatto vivo dopo qualche giorno di assenza e che vorrebbe incontrarla con l’intenzione di riappacificarsi.

Non è tutto, perché Fantasia viene arrestato in flagranza di reato e Malinconico capisce che la liberazione era solo una tattica dei magistrati per beccare l’uomo. Proprio quando si crogiola nell’insoddisfazione del fallimento, riceve una notizia tragica: Brooke è stata uccisa.

vincenzo malinconico avvocato d insuccesso serie rai 1 cast attori Massimiliano Gallo e Chiara Celotto
Massimiliano Gallo e Chiara Celotto in un episodio di Vincenzo Malinconico, avvocato d’insuccesso.

Chi è Vincenzo Malinconico?

«Sono un avvocato d’insuccesso per scelta, per natura», afferma Massimiliano Gallo nella clip disponibile su RaiPlay. A differenza del prototipo presente nell’immaginario collettivo, qui si è in presenza di un professionista diverso dalla categoria a cui appartiene. «Spesso fa delle scelte che sono per lui etiche, ma che non corrispondono a scelte di mercato che un avvocato dovrebbe fare per fare carriera. Si fa una proiezione di un mondo che vorrebbe».

Malinconico è un personaggio sui generis. La sua singolarità emerge anche attraverso i personaggi che lo accompagnano nelle sue giornate. «Una serie di voci off, che sono i suoi pensieri, di altissima ironia». In particolare, l’amico immaginario Mister Fantasy, il Virgilio che lo traghetta tra le difficili sponde della quotidianità, interpretato da Carlo Massarini.

È anche la trasposizione su schermo del classico uomo medio. «Un non vincente per scelta, che ha deciso di vivere la vita a modo suo», ha raccontato Gallo a Telesette. «Può sembrare passivo rispetto al mondo ambizioso che lo circonda e dove si muove quasi per inerzia. (…) È il non perfetto per eccellenza, che ha tutte le debolezze dell’animo umano e non fa nulla per nasconderle. Malinconico non ha ambizioni e si accaparra subito l’empatia degli altri». Ciononostante, non è un indolente. È semplicemente «un uomo che non si preoccupa del giudizio altrui, che non finge di essere un supereroe né un super uomo».

vincenzo malinconico avvocato d insuccesso fiction rai 1 episodi puntate raiplay Massimiliano Gallo e Denise Capezza
Massimiliano Gallo e Denise Capezza, nei panni di Alessandra Persiano.

A tal proposito, è un uomo buono, di cuore, attento ai rapporti umani, in particolare con Alagia e con il figlio Alfredo (Francesco Cavallo). Inoltre, vorrebbe tornare insieme alla ex moglie Nives, ma non fa nulla per persuaderla. Il regista Alessandro Angelini lo definisce «un acrobata dei sentimenti. Un personaggio di grande empatia e grande umanità, tutto da scoprire. È uno di noi che tutti i giorni lotta per vivere, però lo fa con il sorriso in faccia». In definitiva, secondo Gallo è «un avvocato più che di grido, di gemito».

Il cast della serie

Oltre a Massimiliano Gallo, nel cast compaiono anche attori di primo piano del cinema e della serialità italiani. L’ex moglie Nives è interpretata da Teresa Saponangelo, vincitrice del David di Donatello 2022 come Migliore attrice non protagonista per È stata la mano di Dio.  Denise Capezza è Alessandra Persiano, ma in passato ha recitato in Gomorra e in Bang Bang Baby. Alfredo è interpretato da Francesco Cavallo, 25 anni, distintosi nel film Netflix Mio fratello, mia sorella. Lina Sastri e Michele Placido sono rispettivamente l’ex suocera Assunta e Ugo Maria Starace Tarallo, mentre Ana Caterin Morariu è Veronica Starace Tarallo.

Completano Francesco Di Leva (Tricarico), Giovanni Ludeno (Espedito Lenza), Luca Gallone (Benny Lacalamita), Giacomo Rizzo (Giustino Talento) e Gianfelice Imparato (Romolo Sesti Orfeo).

La recensione

A dispetto delle altre serie incentrate sul mondo dell’avvocatura, come ad esempio Studio Battaglia, Vincenzo Malinconico, avvocato d’insuccesso mostra i lati oscuri della professione. Le udienze patinate lasciano il posto ad aule di tribunale caotiche. La sacralità del ruolo viene messo da parte dall’opportunismo. La voglia di aiutare il prossimo è spazzata via dalle contingenze ora di natura professionale ora di natura personale. Paradossalmente, in mezzo a quel caos e ai dubbi da cui è costantemente assalito, attraverso Malinconico viene mostra una sfaccettatura il più possibile vicina alla realtà.

Massimiliano Gallo è formidabile nei panni di Vincenzo. Attento, insicuro, fragile, di saldi principi. È un uomo anch’egli sfaccettato, ma governato da buoni sentimenti. Tra una battuta in napoletano e una in giuridichese, regala al suo alter ego nuove sfumature che vanno a delineare un personaggio irresistibile.

 

Photo credits: Ufficio stampa Boom PR

scritto da

Share

>