Euro 2020, oltre 18milioni per la finale Italia-Inghilterra. E la TV dimentica la pandemia

Autore

Categorie

Condividi

Il cielo è azzurro sopra l’Europa. L’Italia ha vinto gli Europei 2021 ai rigori nella partita finale contro l’Inghilterra. Un grande risultato per gli Azzurri di Roberto Mancini, ma anche per l’Auditel: Rai 1, infatti, totalizza 18.172.000 telespettatori, pari al 73,7% di share.

Numeri enormi, eccezionali, che non raggiunge neanche il Festival di Sanremo. Segno che la Nazionale è in grado di unire gli italiani, senza se e senza ma. Oltre due ore di gioco da un lato all’altro del campo, nella speranza di una rimonta dopo il gol dell’Inghilterra al primo minuto.

L’abbraccio tra Mancini e Vialli

Nonostante la fatica iniziale, Chiellini e compagni battono gli inglesi e trionfano nello stadio di Wembley. Tra i momenti più emozionanti, l’abbraccio a fine match tra Roberto Mancini, in lacrime, e Gianluca Vialli. Una stretta che arriva alla fine di un incontro difficile e allenta finalmente la tensione.

Nelle città italiane i festeggiamenti sono proseguiti fino a notte fonda con buona pace del distanziamento del rischio contagio. Come se la pandemia fosse un lontano ricordo. La televisione e i social hanno documentato passo dopo passo l’euforia italiana (e non solo) per la vittoria, dimenticando, però, le regole di questo periodo.

Una realtà distopica, che ricordava la vittoria dei Mondiali del 2006, con una differenza fondamentale: il COVID non è stato debellato, i contagi sono in aumento, la variante Delta galoppa e altre iniziano a fare capolino.

Su Rai 1 via libera agli assembramenti

A fine partita, Rai 1 si collega con Saverio Montingelli per raccontare l’esultanza dei tifosi. Prima di parlare, il giornalista abbassa la mascherina e racconta gli stati d’animo di Piazza del Popolo a distanza più che ravvicinata con gli astanti, tutti rigorosamente sprovvisti di mascherina e tutti ammassati.

Può la vittoria degli Europei giustificare una scelta simile? Come può la Rai promuovere immagini di questo tipo? La stessa Rai che manda di continuo lo spot per sensibilizzare i cittadini a vaccinarsi e a rispettare le regole.

Per l’Italia la vittoria degli Europei 2021 è una grande soddisfazione, un tassello da aggiungere con orgoglio a quelli già collezionati, ma lo spettacolo andato in scena dimostra che il calcio può tutto. Davanti ad esso, non esiste la pandemia, non esistono i morti, i contagi né lo spettro di una nuova variante. Del resto, lo aveva già dimostrato acconsentendo a una finale con oltre 60.000 persone senza mascherine e senza distanziamento.

Il calcio rende invincibili, o almeno così si pensa. Peccato che anche la TV di Stato si faccia trascinare dall’euforia e dimentichi le regole basilari del buonsenso, per poi il giorno dopo riprendere la narrazione retorica del COVID e dei suoi rischi.

scritto da

Share