Felicissima sera, Pio e Amedeo eleganti Emigratis a Canale 5

Autore

Categorie

Condividi

Pio e porto a casa. Perdonate la frase infelice, ma Felicissima sera, il nuovo show di Pio e Amedeo in prima serata su Canale 5, sembra sia riuscito nell’intento di portare a casa la prima puntata di venerdì 16 aprile 2021. Tanto che gli ascolti al debutto hanno raggiunto a sorpresa una media di 4 milioni 70 mila telespettatori ed il 20,1% di share.

Anche merito, sicuramente, di Maria De Filippi, ospite attesa del programma, piazzata strategicamente nella prima parte dello show in pieno target di rete. Sempre regina TV, vien da dire, anche a casa degli altri, tanto che il suo continuo C’è posta per te si rinnova anche al di fuori dei suoi studi romani e si conferma un toccasana per gli ascolti facili.

Poi, tanti altri ospiti di diversa natura. Francesco De Gregori, per l’Italia che sa sempre rinascere dalle macerie. Andrea Iannone, ridotto a parcheggiare l’ape. Tommaso Paradiso, protagonista anch’egli di quell’inferno in studio da matrimonio italiano (non sono tutti così, per fortuna). Il principe Emanuele Filiberto di Savoia, costretto a rendere i comici dei cavalieri. Per giunta, davanti al tavolo che fa il verso alle interviste di Fabio Fazio e persino dopo aver visto mangiare ostriche senza alcun freno inibitorio.

Uno show che mixa volutamente momenti alti – o meno bassi, fate voi – a siparietti comici a tratti ‘borderline’. Tutta colpa, si fa per dire, di quell’immarcescibile anima da Emigratis di Pio e Amedeo che, nel bene e nel male, li rende identitari e iconici e, per questo motivo, sempre molto divisivi. Pro e contro infatti non mancano, anche se a volte i due comici foggiani si assolvono, per primi loro stessi, grazie ad un’autocritica spettacolo che tenta di mettere subito all’angolo i detrattori.

Pio e Amedeo emigratis

Per il resto, una scaletta frullata per niente male che, almeno per ora, mette dentro un po’ di tutto. Show musicale in via di definizione. Interazioni con ospiti per le quali sarebbe meglio rivedere alcuni impianti autorali. Un effetto caciara random, ultimamente difficile da trovare in un prime time di Canale 5, per giunta felicissimo per dichiarato titolo.

Insomma, a tratti può sembrare anche un Capodanno tv fuori stagione e che vira per gioco verso una maggiore ricercatezza da piccolo schermo generalista. Questo perché i Pio e Amedeo di Emigratis esistono ancora e non esistono quasi più. I comici di cattivo gusto per autodefinizione ora hanno il vestito elegante – quello buono, come direbbero loro – e piangono di fronte a scene di normalità vietata. È cambiato il mondo.

scritto da

Share