Gazzelle, una ‘Lacri-ma’ a sorpresa: il singolo che anticipa ‘Scusa’

Autore

Categorie

Condividi

Che sorpresa! ‘Lacri-ma‘ è il nuovo singolo di Gazzelle annunciato sui social a sole poche ore dalla sua uscita. Un sorriso improvviso sui volti dei fan, impazienti di ascoltare il già preannunciato Scusa, disponibile dal 13 novembre. ‘Lacri-ma‘ è, però, una sorpresa a tutti gli effetti. Avete letto e ascoltato bene il testo? Geniale!

Lacri-ma, così si diverte a scrivere Gazzelle

Non solo melodia. Non solo musica. Qui la genialità è nel testo. Oltre che nell’annuncio. Lacri-ma è l’ennesimo esempio del talento di Gazzelle, così propenso a giocare e sperimentare con le proprie emozioni. Uno stato d’animo, in un continuo gioco di parole che diverte e commuove.

È un brano malinconico, che narra della sofferenza di una ragazza e del rammarico dell’autore di non poterle starle accanto. Un riferimento evidente alla continua distanza imposta in questo tempo di crisi ed emergenza. Al contatto mancato e alla voglia di abbracciarsi.

La genialità e la peculiarità del brano si evince dal testo, dal momento in cui le sillabe finali di una parola sono l’inizio di quella successiva, creando così un interessante gioco lessicale.

‘Mentre ti scende una lacri-ma non sai da dove vie-nerissimi gli occhi si sporca-non è come pensavi te
E ti fa un po’ male
Tutto si sposta, si muo-veloce come un uraga-non c’ero’.

In attesa di ‘Scusa‘…

L’attesa, adesso, torna ad essere per Scusa, il già preannunciato nuovo singolo che uscirà il 13 novembre. Nel frattempo il successo di Destri – uscito lo scorso 25 settembre – è alle stelle, tanto da essere diventato disco d’oro a sole quattro settimane dall’uscita.

Gazzelle non si è mai fermato. La sua voglia di scrivere (solo cose tristi) l’ha portato a pubblicare Ora che ti guardo bene nel pieno del lockdown, raccontando l’amore ai tempi del Covid. In molti lo definisco un ‘preso male e basta’, un tipo malinconico, forse uno dei pochi ad essere ancora etichettato cantante indie, senza influenze pop. Uno degli ultimi, si potrebbe quasi bisbigliare (Calcutta ormai è anche già troppo mainstream).

… e in attesa di un tour!

Il disagio dell’ultimo anno potrebbe, dunque, giovare il cantante di Scintille e Polynesia. Sì, perché solo questo disagio assoluto potrebbe dargli quell’ispirazione necessaria per continuare a scrivere: solo così potrà far contenti i suoi numerosissimi (e, sì, un po’ disagiati pure loro) seguaci.

Nel frattempo, si attende l’uscita del suo terzo album. E magari, si spera che le due date estive fissate a Roma e Milano rispettivamente per il 16 e il 22 luglio 2021 possano essere mantenute.

scritto da

Share