Quiz, il 29 agosto 2022 su Rai 1 il film tv con la truffa al Milionario – Orario, trama e cast

Autore

Categorie

Condividi

Quiz, il film tv britannico in arrivo su Rai 1 e la cui trama racconta la storiaa tratti vera – della presunta truffa a Chi vuol essere milionario?, andrà in onda lunedì 29 agosto 2022, in prima serata. La miniserie vede Matthew Macfadyen nel cast, è diretta dal regista Stephen Frears e sarà trasmessa dalla Rai in un’unica puntata evento. Tuttavia, la serie – originariamente in 3 episodi e in parte girata nei Wimbledon Studios di Londra – si potrà vedere anche in diretta streaming e in replica on demand su Raiplay.

Leggi anche: Le Pizze a Pezzi vincono 13.375 euro a Reazione a catena

Quiz andrà in onda il 29 agosto 2022 su Rai 1

Il prossimo lunedì 29 agosto 2022, da Rai 1 trasmetteranno Quiz dall’orario d’inizio in tv delle 21:25. Il primo canale della Rai darà così spazio a tutti gli elementi chiave della trama: la super vincita nell’edizione inglese di Chi vuol essere milionario?; l’annullamento di essa, con la relativa storia – scandalo della presunta truffa e i sospetti da parte dei produttori del programma su ITV; le accuse in tribunale e le pubbliche ritorsioni verso i protagonisti.

Il film per la tv è la storia della truffa al Milionario

Stando alla trama del film per la televisione, infatti, Quiz racconta la storia di un ex maggiore dell’esercito che, nell’edizione 2001 del format Who wants to be a millionaire?, si aggiudica la vincita di 1 milione di sterline. Tuttavia, la storia della miniserie si fa un po’ più particolare quando il concorrente protagonista e sua moglieCharles e Diana Ingram – subiscono una condanna penale per aver vinto imbrogliando. Come si sarebbe compiuta la truffa? Grazie ad uno schema strategico fatto di colpi di tosse e portato avanti da un complice: Tecwen Whittock, seduto tra i concorrenti nella postazione del cosiddetto Dito più veloce.

La trama della serie, da vedere in un’unica puntata

Ad interpretare Charles, il concorrente che porta a casa la vincita poi annullata, è Matthew Macfadyen. Nel cast di Quiz, infatti, l’attore inglese veste i panni di un concorrente – almeno inizialmente – molto poco capace. Tuttavia, in una seconda puntata di Chi vuol essere milionario?, l’uomo cambia completamente modo di rispondere alle domande e vince il montepremi più alto possibile. Proprio questi ultimi sono gli elementi che fanno sorgere i sospetti del caso ai produttori del programma e che portano a denunciare lo schema ingannevole con la tosse in studio.

Chi sono gli attori e le attrici nel cast di Quiz

Inoltre, a completare il cast principale di questo nuovo film per la tv, da vedere in prima visione in chiaro su Rai 1 e non su Canale 5 – dove invece per anni è andata in onda l’edizione italiana di Chi vuol essere milionario? – sono anche altri attori e attrici. Si tratta di:

Michael Sheen interpreta il conduttore

  • Michael Sheen. L’attore inglese recita in Quiz nei panni del conduttore del programma su ITV.
  • Sian Clifford. Nella miniserie, l’attrice britannica interpreta la parte di Diana, la moglie del concorrente. Ad affiancarla nel cast c’è anche Trystan Gravelle, in qualità di Adrian, il cognato del concorrente protagonista.
  • Mark Bonnar. L’attore scozzese ricopre il ruolo del produttore Celador, Paul Smith.
  • Helen McCrory. L’attrice è purtroppo morta nel 2021, all’incirca un anno dopo la messa in onda del primo episodio nel Regno Unito. Nel cast del film tv, si fa notare nei panni dell’avvocatessa Sonia Woodley.

Anche Gerry Scotti ha parlato della miniserie

Per il resto, nel 2021 a parlare dell’episodio raccontato dalla trama della miniserie – dalle recensioni perlopiù positive e nel Regno Unito andata in onda su ITV, mentre invece in Italia ha debuttato in streaming su TIM Vision – fu anche Gerry Scotti. In un’intervista rilasciata a La Stampa, infatti, il conduttore di Chi vuol essere milionario? su Canale 5 affermò quanto segue:

«Sono andato a vedermi la puntata incriminata (…). Da addetto ai lavori mi è parso abbastanza imbarazzante che non si fossero subito accorti di quanto stava accadendo (…) Quanto a Ingram, pare un caso da assistenti sociali (…)».

scritto da

Share

>