Festival di Sanremo 2021, Amadeus: ‘Gli ospiti? Spero in una reunion’

Autore

Categorie

Condividi

Cresce l’attesa per il Festival di Sanremo 2021, condotto da Amadeus dal 2 al 6 marzo. Giovedì 14 gennaio il conduttore e direttore artistico è stato ospite di Non Stop News su RTL 102.5 per parlare della settantunesima edizione della kermesse, la prima dall’inizio della pandemia.

Sanremo 70+1, come ama definirlo Amadeus, dovrebbe andare in onda tra circa un mese e mezzo. Usiamo il condizionale perché, sebbene Rai e addetti ai lavori si mostrino decisi a organizzare tutto entro la data stabilita, la situazione attuale fa pensare che forse non sarà così facile.

‘Noi stiamo lavorando per il 2 marzo‘, conferma Amadeus. ‘Dobbiamo essere in grado di dare agli italiani un Festival che sia in regola con tutte le regole sanitarie, nessuno deve essere messo a rischio e dobbiamo lavorare con la Rai e i tecnici affinché ci sia tutta la sicurezza possibile’, conclude.

La nave, una bolla per il pubblico dell’Ariston

Si discute tanto della famigerata nave che dovrebbe ospitare il pubblico della platea, onde evitare eventuali contagi. Un’ipotesi che Amadeus conferma e argomenta: ‘Sanremo non si può fare senza pubblico. L’idea è quella di creare una bolla per le cinquecento persone in platea, bisogna metterle in sicurezza’, dice. Per farlo, saranno ‘portate su una nave, dove trascorreranno una bellissima settimana di vacanza’.

Lasceranno la nave solo per raggiungere l’Ariston e, una volta finito lo spettacolo, si torna sulla nave. Gli spostamenti avverranno a bordo di pulmini da massimo venti persone. Dunque l’ipotesi bizzarra della nave ormeggiata al porto di Sanremo sembra l’unica soluzione possibile e forse anche la più plausibile.

Sala stampa sì, sala stampa no

In merito alla presenza dei giornalisti, dunque alla composizione della sala stampa, Amadeus rassicura: ‘Io voglio i giornalisti a Sanremo, in sala stampa’. Sarà interessante capire come verrà organizzato il tutto, considerate le difficoltà oggettive nella gestione di un Festival di Sanremo 2021 in piena pandemia, dove il distanziamento risulta necessario.

Non è la prima volta che esprimiamo perplessità in merito alla postazione degli addetti ai lavori in loco. La ragione è semplice: il pubblico in sala è solo la punta dell’iceberg, Sanremo è anche molto altro. È un insieme di migliaia e migliaia di persone dentro e fuori i teatri e gli alberghi, che vanno su e giù per la città a ritmi frenetici. Il distanziamento, così come eventuali controlli con tamponi rapidi et similia all’ingresso degli hotel, è impensabile. Poi è ovvio che ci si adatta a ogni cosa, ma di certo è innegabile che si tratti di un problema di difficile soluzione.

Il Festival di Sanremo 2021 guarda al futuro

Un altro argomento affrontato durante Non Stop News, i cantanti in gara. Anche su questa composizione abbiamo espresso qualche perplessità, non per la caratura degli artisti, bensì per il target di riferimento rispetto a quello di rete. ‘Avendo iniziato con la radio, per me la musica è la cosa principale’, afferma Amadeus. ‘Per me Sanremo non è l’ospite, ma la canzone in gara. Quando sono arrivate le canzoni, ho capito che c’erano delle cose fortissime (provenienti) da un mondo giovane, nuovo, che io conosco. Un mondo emergente, ma già conosciuto al pubblico dei ragazzi, fortissimo’.

Sanremo 70+1, ‘quello della rinascita’

In merito ai rischi, il conduttore non ha dubbi: ‘Secondo me Sanremo deve guardare avanti, non indietro. Questo è il primo Sanremo, il 70+1, quello della rinascita. Il pubblico ascolterà delle bellissime canzoni’. E il pubblico assisterà anche al debutto di Elodie, Achille Lauro e Zlatan Ibrahimović in un ruolo diverso da quello canonico.

Elodie, al di là di essere bella, è una ragazza brava, di carattere, ha una storia fortissima alle spalle e mi piacerebbe che il pubblico di Sanremo la conoscesse meglio, all’interno di uno spettacolo, ovviamente’, anticipa. Achille Lauro, invece, darà vita a ‘cinque quadri artistici, che fanno un percorso nella musica e nel tempo. Cinque idee fortissime, momenti di vero spettacolo’.

La stima di Amadeus per Lauro non è un mistero. ‘È un artista completo dal punto di vista musicale e della rappresentazione scenica’. Su Ibrahimović, invece, sta ancora studiando cosa fargli fare, ma è probabile che interagirà soprattutto con il suo sodale. ‘È un’icona, un personaggio molto particolare. Poi vediamo, lo affido anche a Fiorello’.

A proposito del suo compagno di viaggio, ribadisce come la loro chiave vincente sia l’improvvisazione. ‘Con Fiorello c’è un codice: io non voglio sapere cosa farà, lui non vuole sapere cosa gli chiederò, e questa imprevedibilità mi dà serenità’.

Gli ospiti del Festival di Sanremo 2021

Infine, come ogni anno, si inizia a parlare di ospiti. Al Festival di Sanremo 2021 arriveranno Alessandra Amoroso e Emma? ‘Sono due cantanti fantastiche. Non è escuso che possano esserci a Sanremo. È un’ipotesi, sarei onorato della loro presenza, ma onestamente a oggi non ne abbiamo parlato’.

Se l’anno scorso il colpo di genio di Amadeus è stato dare vita alla reunion dei Ricchi e Poveri proprio dal palco dell’Ariston, quest’anno potrebbe essere la volta degli ABBA. O meglio, il loro nome circola da qualche giorno, ma il conduttore si affretta a smentire, anche se non del tutto.

‘Chi non vorrebbe gli ABBA a Sanremo? Ma magari! Appartengono alla categoria dei desideri. Ne ho anche altri, spero di portare a casa un’altra reunion, vediamo’. Al di là degli ABBA in sé, in questo momento è difficile avere sul palco ospiti stranieri, già solo per la difficoltà negli spostamenti.

Un Festival nazionale

Amadeus sottolinea, però, la sua volontà. ‘Io voglio fare un festival nazionale. Abbiamo bisogno di pensare un po’ a noi stessi. Il settore musicale è andato a terra, ci sono persone disoccupate da mesi, dobbiamo rilanciare la musica, lo spettacolo. Magari anche il teatro, mi auguro che possano riaprire e vorremmo riaccendere i teatri di Italia proprio da Sanremo’.

Giovanna Civitillo sul palco di Sanremo 2021?

Infine, una domanda d’obbligo sulla moglie, Giovanna Civitillo. L’anno scorso non ha fatto parte della rosa delle dieci donne che lo hanno affiancato sul palco per evitare le polemiche. Quest’anno forse qualcosa potrebbe cambiare. Se, da un lato, Amadeus non vuole dare adito alle critiche, dall’altro afferma che le polemiche gli interessano poco. ‘Se decido di fare una cosa la faccio. Se penso che quella cosa serva al Festival, la faccio’. Insomma, le quotazioni della Civitillo sono al rialzo.

scritto da

Share