M. Il figlio del secolo, trama della serie tv Sky con Luca Marinelli

Autore

Categorie

Condividi

M. Il figlio del secolo, il libro di Antonio Scurati vincitore del Premio Strega 2019, diventa una serie tv Sky in 8 episodi con protagonista Luca Marineli. Le riprese inizieranno tra qualche settimana ai Cinecittà Studios di Roma. Prodotta da Sky Studoios per The Apartment, è scritta da Stefano Bises (Gomorra, Speravo de morì prima) e Davide Serino, vede alla regia Joe Wright. In merito alla data di uscita, non è ancora dato sapere quando sarà disponibile su Sky e in streaming e on demand su NOW.

La trama di M. Il figlio del secolo

Al centro della serie, la storia raccontata nel bestseller, ovvero gli anni ’20 del Ventesimo secolo. In particolare, l’ascesa del fascismo e del Duce Benito Mussolini. Si parte dalla fondazione dei Fasci Italiani nel 1919, per arrivare al discorso che Mussolini tenne in parlamento, subito dopo l’omicidio del deputato Giacomo Matteotti, avvenuto nel 1925.

M. Il figlio del secolo si addentrerà, poi, nella sfera privata di Mussolini. Scandaglierà il rapporto con la moglie Rachele, ma anche quello con l’amante Margherita Sarfatti. Inoltre, vi sarà spazio per altre figure entrate nella storia. Sullo sfondo, un’Italia che ha consentito l’instaurazione della dittatura e, dunque, la stesura di una delle pagine più buie della sua storia.

Luca Marinelli nei panni di Benito Mussolini

Classe 1984, Luca Marinelli è uno degli attori più talentuosi del panorama italiano. Nel suo palmarès un Nastro d’Argento e un David di Donatello come Migliore attore protagonista per Lo chiamavano Jeeg Robot, oltre ad altre 4 nomination, sempre ai David.

Dopo le prime apparizioni in alcune serie televisive, tra cui Ricomincio da me e I Cesaroni, sbarca al cinema. Il primo film è La solitudine dei numeri primi, seguito da L’ultimo terrestre e Tutti i santi giorni. Nel 2013 è la volta de La grande bellezza, di Paolo Sorrentino, e de Il mondo fino in fondo. Tra le pellicole più recenti, Slam – Tutto per una ragazza, Fabrizio de André – Principe libero, Martin Eden, Diabolik e Le otto montagne.

 

Photo credits: Riccardo Ghilardi/Sky

scritto da

Share

>