Maria De Filippi a Domenica In, una lunga attesa ma ne è valsa la pena

Autore

Categorie

Condividi

La mission impossible di Domenica In è diventata possible. Mara Venier ha finalmente aperto le porte del suo programma a Maria De Filippi nella puntata dell’11 ottobre. ‘Ci abbiamo messo due anni, ma ce l’abbiamo fatta’, dicono in apertura. La nuova stagione televisiva si preannunciava difficile e piatta, invece riserva sorprese di tutto rispetto. L’ospitata ha avuto il sapore dell’evento, non solo per la caratura del personaggio, ma soprattutto per l’odissea che l’ha preceduto.

La padrona di casa, infatti, aveva già invitato la conduttrice Mediaset nel suo salotto, ma l’arrivo era stato stoppato dai piani alti di Viale Mazzini. Le ragioni sono ancora oggi sconosciute e anche poco comprensibili, visto che la scorsa primavera la De Filippi ha partecipato a una puntata di Che Tempo Che Fa, in onda proprio su Rai 1.

L’intervista

Per fortuna, è acqua passata. L’intervista a Domenica In c’è stata e può essere paragonata a un evento, dicevamo. Innanzitutto, per la durata: cento minuti. Un tempo infinito, a pensarci. Invece, l’ora e quaranta è trascorsa senza che il pubblico potesse avvertire segni di stanchezza.

L’adolescenza a Pavia, i primi filarini, il rapporto con i genitori, fino all’incontro con Maurizio Costanzo: l’insieme degli argomenti trattati è variegato. Nulla che non si sapesse già, ma a funzionare non è il cosa, è il come. Benché parca di ospitate e interviste, Maria De Filippi ha spesso raccontato della sua vita privata. A rendere l’incontro memorabile, dunque, sono altri fattori.

I fattori vincenti

In primis, il rapporto tra le due conduttrici. Sono amiche nella vita e non lesinano reciproche dimostrazioni d’affetto anche di fronte alle telecamere. Da sottolineare, le parole della Venier ancora prima di entrare nel vivo dell’intervista. ‘Qui è andata molto bene e lo devo a quegli anni con te. Mi hai dato la forza di essere me stessa. Grazie’.

Il riferimento è alle edizioni di Tu Sì Que Vales alle quali ha partecipato nei panni di giudice popolare. Dopo essere stata estromessa dalla Rai, è stata proprio la De Filippi a offrirle un’opportunità, tramutatasi in successo. Un tripudio di consensi che, dopo averle donato anche il ruolo di opinionista a L’Isola dei Famosi, ha fatto sì che la Rai la richiamasse per affidarle la ‘sua’ Domenica In.

Quando era indecisa se accettare o meno, ha chiesto consiglio proprio alla De Filippi: ‘Mi hai detto: fallo. Mi hai fatto riflettere sul fatto che io potessi ancora valere qualcosa e di questo non smetterò mai di ringraziarti’. Ecco, il grazie della Venier non è mero convenevole, ma vera riconoscenza e segno di grande professionalità.

domenica in de filippi venier

La forza televisiva di Maria De Filippi

In secundis, la forza televisiva di Maria De Filippi. Checché se ne dica, è catalizzatrice. E gli ascolti parlano chiaro: il – lunghissimo – blocco che l’ha vista protagonista ha portato la prima parte a 3.551.000 telespettatori, pari al 19,2% di share.

Poi, vi è la carta vincente di zia Mara, ovvero la capacità di metter a proprio agio chi le siede di fronte e riuscire a farlo aprire. Anche se non vengono svelati retroscena inediti, si crea comunque un’aurea di intimità che regala emozioni al pubblico. Nella maggior parte dei casi, le interviste si trasformano in chiacchiere tra vecchi amici, dove si alternano momenti divertenti a momenti profondi e emozionanti. La Venier non lesina lacrime né risate a crepapelle. E questo mix di alto e basso, di triste e ridanciano, fa immedesimare il telespettatore.

Con la De Filippi è riuscita a scavare nei sentimenti e nelle emozioni della più granitica delle conduttrici italiane. Tanto austera quanto materna, la corazza della De Filippi viene meno e lascia presto posto a Maria.

Il tratto comune di De Filippi e Venier

A unirle è il modo di fare televisione. Entrambe hanno uno personalissimo, non replicabile, che con il sorriso una e schiettezza l’altra, toccano certe corde e arrivano a chi le guarda. Ci sono voluti due anni per rivederle insieme nello stesso studio. Una lunga attesa, ma ne è valsa la pena.

 

scritto da

Share