Naked Attraction Italia, il dating show senza veli che farà discutere

Autore

Categorie

Condividi

Dopo un ventennio di relazioni nate in rete, grazie a siti e app di incontri che permettono di raccontarsi al meglio senza dover rivelare i propri difetti, si cambia rotta. Arriva Naked Attraction Italia, nuovo dating show del gruppo Discovery in cui i partecipanti si svestono – letteralmente – nella speranza di essere scelti da un potenziale partner. Prodotto da Stand By Me, Naked Attraction sarà disponibile su Dplay Plus ed è pronto a debuttare in Italia dopo il successo ottenuto, non senza polemiche, oltremanica.

Il meccanismo del gioco

Il meccanismo del gioco è piuttosto semplice: un single, di età compresa tra i 19 e i 45 anni, sceglie il proprio partner tra sei persone completamente nude. Il corpo di ciascuna viene mostrato poco alla volta, partendo dai piedi fino ad arrivare al viso.

Il candidato ideale deve essere disposto a spogliarsi ‘letteralmente di tutto quello che ti definisce nella vita di ogni giorno’, recita il comunicato stampa. Un atto coraggioso, dunque, ma anche onesto, se si vuole.

Nell’epoca dei filtri che correggono le sbavature caratteriali, delle foto profilo distanti dalla realtà e delle vite patinate spesso poco veritiere condivise sui social, ecco che Naked Attraction si appresta a scardinare le regole del primo impatto. Non c’è trucco e non c’è inganno, ci si mostra come si è. Se, fino ad ora, infatti, la tendenza è stata condividere la foto con il profilo migliore, il format fa un passo avanti e arriva dritto al sodo. Non più il classico appuntamento in cui ci si racconta, ma una sorta di esposizione della propria mercanzia nella speranza che sia di gradimento a chi sta di fronte.

Naked Attraction, innovativo o eccessivo?

Un nuovo modo di iniziare una relazione, che, in realtà, si avvicina a quanto già accade sulle app di incontri: scelgo una persona in base alla sua immagine. Qui si va oltre, si inizia dalla fine per poi procedere forse a ritroso. L’esperimento, però, apre ad alcune riflessioni.

Da un lato, la scelta del potenziale partner in base alle caratteristiche fisiche fa risparmiare un bel po’ di tempo e abbandonare il velo di ipocrisia che spesso si annida nei dibattiti sociologici. La nostra immagine è il nostro bigliettino da visita e poiché l’occhio vuole la sua parte, Naked Attraction mette sul piatto come prima cosa l’immagine.

Dall’altro, ci si chiede: l’immagine in sé è sufficiente per scegliere un potenziale partner? È molto probabile che l’arrivo del format farà storcere il naso a coloro i quali portano avanti i temi caldi circa la percezione del proprio corpo e l’accettazione dello stesso da parte della società. Discovery lo annuncia come un programma innovativo, di sicuro non mancheranno le polemiche.

Il corpo come oggetto o semplice biglietto da visita?

Possibili scenari a parte, scegliere una persona in base al corpo potrebbe mettere il candidato sullo stesso piano di un abito o un oggetto, e così via. È proprio necessario mostrarsi senza veli? Certo, altrimenti verrebbe meno lo spirito del programma. Al di là del lato trash, che farà divertire protagonisti e telespettatori, si fatica a rintracciare l’obiettivo del programma. È davvero utile ai fini di una relazione non ancora nata? Senza voler risultare bacchettoni, la scelta di un corpo ancora prima di un cervello non rischia di esaltare ulteriormente il culto dell’immagine?

È abbastanza scontato che chi partecipa lo faccia spinto dalla voglia di divertirsi e mettersi in gioco. Dunque nulla da eccepire. Sul piano strettamente televisivo, Naked Attraction è un’evoluzione di Take Me Out. I concorrenti sono rinchiusi dentro una cabina trasparente e da lì interagiscono con il single in cerca di un partner. La differenza è l’assenza di vestiti e il focus sulle parti intime.

Sul piano sociale, il programma fa un passo avanti, dicevamo. Brucia le tappe e punta dritto al sodo per fare un passo indietro in un momento successivo: cioè dopo la scelta, quando i potenziali partner avranno iniziato a uscire insieme e, a distanza di tempo, potranno raccontare se l’esperimento ha funzionato oppure no.

L’esperienza di Discovery

Discovery non è nuova a questo tipo di esperimenti ‘estremi’. Matrimonio a prima vista su Real Time ne è un esempio. È vero che ha debuttato Sky, ma è con il cambio di rete, in chiaro, che il programma conquista il pubblico, crescendo in termini di ascolti e diventando un vero e proprio argomento di discussione, almeno su Twitter.

Naked Attraction andrà in onda sulla piattaforma a pagamento Dplay Plus e non è dato sapere se e quando verrà trasmessa in chiaro sugli altri canali del gruppo Discovery. I casting sono aperti, per informazioni consultare il seguente link.

scritto da

Share