Supernanny, Tata Lucia Rizzi sbarca su Nove

Autore

Categorie

Condividi

Tata Lucia sta per tornare. Dal 25 aprile in prima serata su Nove arriva Supernanny, nuovo format in otto puntate prodotto da Blue Yazmine e disponibile dal 18 su Disovery+. Protagonista Lucia Rizzi, la celeberrima Tata Lucia, che aiuterà genitori disperati alle prese con bambini vivaci, disubbidienti, litigiosi, viziati, e così via.

Nell’edizione italiana di Supernanny, Nanny Lucia sarà una sorta di guida, di spalla a cui appoggiarsi quando tutta l’armonia familiare sembra essersi volatilizzata. Il suo compito sarà quello di riportare serenità nelle famiglie. Grazie ai suoi preziosi consigli, i genitori potranno capire come interagire con i propri pargoli esagitati e, allo stesso tempo, proteggere il rapporto con i partner, mettendolo al riparo da eventuali screzi o frizioni.

Il meccanismo di Supernanny

In ogni puntata Lucia farà visita a una famiglia, con la quale trascorrerà un po’ di giorni. Il primo è dedito alla mera osservazione: la Supernanny studia le dinamiche familiari e prende appunti. Nei tre giorni successivi, prova a intervenire attraverso consigli, regole e suggerimenti. Man mano che approfondirà la conoscenza, verranno a galla le ragioni degli screzi familiari. A quel punto, proverà ad aiutare i genitori a riportare la serenità all’interno del focolare domestico. Dopo l’incontro con la famiglia protagonista della puntata, i telespettatori scopriranno se i consigli di Nanny Lucia hanno sortito effetti positivi o meno.

Il ritorno in TV di Tata Lucia

Lucia Rizzi, classe 1942, torna in televisione dopo una pausa di qualche anno. Il suo debutto risale ai primi anni Duemila, quando divenne il volto di SOS Tata, format cult nel suo genere. Sarà curioso adesso osservarla a Supernanny, sempre nel suo habitat, ma a oltre quindici anni di distanza. Inoltre, sarà interessante vedere come Nanny Lucia interagirà con i bambini in un periodo difficile, in cui la distanza fisica è una costante e i contatti vanno imitati il più possibile.

scritto da

Share