L’Allieva 2 in replica, Rai1 vince la serata

Autore

Categorie

Condividi

La replica de L’Allieva 2, trasmessa da Rai1 domenica 19 aprile, ha vinto la serata con 4.161.000 telespettatori, pari al 15.5% di share. La fiction con Alessandra Mastronardi e Lino Guanciale, tratta dall’omonimo romanzo di Alessia Gazzola, ha la meglio su Live Non è La D’Urso di Canale5.

Le avventure professionali e personali di Alice Allevi e Claudio Conforti, interpretati rispettivamente da Mastronardi e Guanciale, fanno breccia, ancora una volta, nel cuore del pubblico.

L’Allieva 2, sinossi

La seconda stagione vede l’ingresso di Sergio Einardi, un affascinante Pubblico Ministero interpretato da Giorgio Marchesi. Alice dovrà districarsi tra l’amore verso Claudio e il feeling che nascerà con Einardi. Inoltre, tornerà Arthur (Dario Aita), il reporter giramondo con cui in passato ha avuto una storia e che continua a esercitare un particolare ascendente su di lei.

A rilevare, al di là della storia e dell’affezione dei telespettatori verso il prodotto, sono due elementi: il primo, la crescita di Alessandra Mastronardi; il secondo, la capacità dell’intrattenimento di prevalere sull’informazione anche in un momento critico come quello attuale.

Alessandra Mastronardi, il successo de L’Allieva

Nonostante la giovane età, Alessandra Mastronardi vanta una carriera ventennale. Ha iniziato a muovere i primi passi da bambina, per ottenere grande popolarità nel 2006 grazie a I Cesaroni. Detto addio alla fiction di Canale5, ha costruito un nuovo percorso, spaziando tra cinema e televisione.

Nel 2012 è stata scelta da Woody Allen per il film To Rome With Love, è approdata alla serie statunitense Masters Of None, nel mezzo ha fatto centro un’altra volta con L’Allieva.

I programmi di informazione in crisi?

Il secondo elemento riguarda il gusto del pubblico. L’emergenza Coronavirus ha stravolto il palinsesto televisivo. Decine di programmi sono stati chiusi anticipatamente e il piccolo schermo ha detto arrivederci all’intrattenimento per virare sull’informazione.

Il dato di domenica sera, però, induce a una riflessione. Davanti a un palinsesto denso di programmi di approfondimento focalizzati sull’emergenza sanitaria, i telespettatori decidono di dirottare su Rai1 e usufruire della visione di una fiction. In replica.

La domanda sorge spontanea: ci siamo forse stancati del bombardamento di informazioni? Siamo forse saturi di ascoltare frotte di esperti, medici, politici, scienziati, virologi che troppo spesso si contraddicono nell’arco di dieci minuti?

scritto da

Share