Tommaso Zorzi, un ‘fenomeno’ da quarantena

Autore

Categorie

Condividi

Un fenomeno? Tommaso Zorzi potrebbe essere (quasi) definito così. La sua quarantena social si è convertita in un coinvolgente ‘one man show’ che ha strappato sorrisi e fatto divertire, talvolta facendo scuotere la testa, come per dire è proprio fuori eh, ma la sua compagnia è stata indispensabile. Perlomeno per i ‘pazzi’ che lo seguono.

I balli da quarantena

Irriverente ed esilarante: questi gli aggettivi per descrivere al meglio uno dei giovani più ricchi d’Italia. Un personaggio dalla chiara identità, a cui piace emergere senza filtri e senza restrizioni. Poco importa delle opinioni altrui – non che sia impassibile all’odio del web, anzi, più volte ha denunciato le offese ricevute, soprattutto ultimamente su Twitter – ma canta e balla senza pudore: complice l’incredibile spontaneità che lo contraddistingue dalla massa dei social. E lui si diverte, eccome se si diverte.

La sua quarantena tra ‘ciabatte dorate e astinenza’ – così la definisce a Vanity Fair – intrattiene e allevia il dolore Covid, per quanto possibile. Si improvvisa conduttore di uno show su Instagram TV, ‘Mister e Miss Quarantena’, in cui appare su sfondo caraibico in camicia bianca e papillon; spesso è un ballerino – di talento, riconosciamoglielo -, a volte cantante (meglio interprete?) – anche qui capace, siamo sinceri -. Infine autore di romanzi.

E la ‘Zorzi Parade’? Con i suoi 47.611 followers su Spotify è diventata un ‘must’ della quarantena, un iconico e nostalgico spaccato degli anni Duemila… alla Zorzi.
Insomma, l’influencer ha veramente fatto di tutto per distrarre al meglio i suoi fedeli seguaci, regalare perle memorabili mettendosi ancora una volta in gioco (e in ridicolo, ma lui può, perché è bravo).

Siamo tutti bravi con i fidanzati degli altri

Prima si è scritto ‘autore di romanzi’, non a caso. Il 13 maggio 2020 Tommaso Zorzi pubblica il suo primo libro, intitolato per l’appunto ‘Siamo tutti bravi con i fidanzati degli altri’. Un romanzo indirettamente biografico: il protagonista, Filippo Villa, 24enne, è l’alter ego dell’influencer. A lui il compito di appropriarsi e raccontare le vicissitudini sentimentali – e altalenanti – di Tommy, tra cui l’esperienza con un ex molto particolare: questo emerge dalla presentazione social del libro.

Particolare attenzione alla banana d’oro in copertina, fortemente voluta dall’autore e sulla quale non esita a scherzare.

Riccanza, un punto di partenza e ritorno

Tommaso Zorzi è prima di tutti noto per essere il volto iconico di Riccanza. Chi, meglio di lui (ed Elettra Lamborghini), avrebbe potuto elevare al successo un programma di quel calibro.

L’esordio nella prima stagione risale al 2016, quando Tommaso aveva solo 21 anni (oltre ai capelli viola). Da Riccanza è partito ma a Riccanza torna, sempre. E lo si è visto negli anni: nuovi look, nuovi atteggiamenti, nuove ‘vite’ si sono alternate tra un’edizione e l’altra.

Perché Zorzi non è solo influencer o ‘concorrente’ di svariati show televisivi – vedi Pechino Express o Dance Dance Dance… o inviato del Festival di Sanremo -, Zorzi è anche ideatore di app e firma di una propria linea di moda.

E’ noto per aver messo radici nel Bosco Verticale di Milano, ma nell’ultima apparizione a ‘Riccanza Deluxe’ si è presentato in vesti totalmente rinnovate: addio comfort, carte di credito, ore piccole e bollicine. Zorzi, lontano da ogni tentazioni, si è chiuso in rehab. Ed è stato un beneficio, oltre che un successo.

Sa ogni volta come stupirci. Sa divertirci, anche emozionare – è un tipo molto sensibile – sa il fatto suo. E’ uno showman, il nuovo possibile showman italiano. Forse manca un po’ di esperienza? Per il resto Tommaso Zorzi ha tutte le carte in regola per fare di sé una vera e propria icona dell’intrattenimento.

Photo credits: Instagram @tommasozorzi

scritto da

Share