Maneskin, la band con l’X Factor da Sanremo all’Eurovision

Autore

Categorie

Condividi

Sono solo in quattro, ma la loro forza d’animo sembra quella di cento persone. Parliamo de I Maneskin, il gruppo musicale romano, la cui carriera è ufficialmente partita dal talent X Factor. Nel giro di quattro anni, il gruppo è passato da canzoni di successo, non senza conquistare la vittoria all’ultimo Festival di Sanremo e il trionfo all’Eurovision Song Contest 2021.

Maneskin secondi a X Factor 2017

In origine artisti di strada, I Maneskin hanno dalla loro parte quattro componenti davvero estrosi. Damiano David, pura voce rock; Victoria De Angelis, al basso; Thomas Raggi, alla chitarra; Ethan Torchio, alla batteria. Il nome della band deriva dalla parola danese il cui significato in italiano è ‘Chiaro di Luna’.

Si sono fatti notare in televisione nel 2017. Anno in cui hanno partecipato e (quasi) vinto X Factor 11, edizione condotta da Alessandro Cattelan su Sky Uno, il cui vincitore fu il cantante di Ragusa Lorenzo Licitra.

In finale ci fu l’esibizione sulle note dell’inedito Chosen, con il ritornello che ancora oggi non sfugge: Follow me follow me now. In quel caso, però, il gruppo seguito dal giudice Manuel Agnelli non riuscì a trionfare. Si erano presentati alle prime audizioni di X Factor con lo stesso brano, nell’edizione che ebbe come giudici anche Fedez, Mara Maionchi e Levante.

maneskin eurovision finale 2021
Maneskin: Damiano David, Victoria De Angelis, Ethan Torchio, Thomas Raggi

La vittoria dei Maneskin a Sanremo 2021

Alla mancata vittoria di X Factor sono, poi, seguiti un contratto discografico con Sony Music, il singolo Morirò da re, doppio disco di platino, Torna a casa, quintuplo disco di platino, Vent’anni, tra le altre canzoni.

Quindi, l’annuncio della partecipazione al Festival di Sanremo 2021 di Amadeus e la vittoria sul palco del Teatro Ariston con la canzone rock dal titolo Zitti e buoni, davanti ai secondi e terzi in classifica: Fedez con Francesca Michielin (Chiamami per nome) ed Ermal Meta (Un milione di cose da dirti).

Il trionfo all’Eurovision Song Contest

Infine, di diritto, l’approdo a Rotterdam come rappresentanti per l’Italia all’Eurovision Song Contest. Anche in questo caso, Zitti e buoni ha lasciato decisamente il segno, superando grazie al televoto da casa Voilà di Barbara Pravi per la Francia e Tout L’Univers di Gjon’s Tears per la Svizzera.

L’esibizione finale dopo la vittoria è stata eseguita con le parolacce, come da testo originale, ma le polemiche hanno in realtà riguardato altro. Damiano dei Maneskin è stato accusato di aver consumato cocaina in diretta tv, anche se il diretto interessato ha subito smentito. Il cantante si è inoltre sottoposto a un test anti-droga volontario, risultato negativo.

Ora l’occasione di organizzare l’evento in Italia a maggio 2022, per cui già si vocifera di Alessandro Cattelan tra i possibili conduttori, di Milano, Roma, Torino tra le probabili location e di tutto il pacchetto di semifinali e finale su Rai 1. Sarà così?

maneskin teatro d'ira album

Il nuovo album Teatro d’ira Vol. 2 e il tour 2021

Zitti e buoni è estratto dall’album Teatro d’ira Vol. 1, che è stato preceduto dal singolo Vent’anni. Nei prossimi mesi i Maneskin laveranno al nuovo disco, Teatro d’ira Vol. 2, in uscita a dicembre 2021. Il 14 dicembre inizierà il tour, prima tappa il 14 e il 15 a Roma, per proseguire al Forum di Assago, Casalecchio, Napoli, Firenze, Torino, Bari e Verona.

scritto da

Share